Sbocchi professionali

Career opportunities
Immagine
Career

Il Corso di Laurea Magistrale in “Agri-food sustainability” (Classe LM-69) fornisce allo studente, interessato a raggiungere una completa formazione in ambito agro-alimentare, un quadro culturale e competenze di livello avanzato per l’esercizio di attività professionali di elevata qualificazione in ambiti specifici che vanno dalla produzione alimentare di qualità, sostenibile sia sul piano economico che ambientale, fino alla considerazione, in tutte le fasi della produzione, del valore nutrizionale e funzionale del cibo. Dalla terra non solo al piatto, ma anche alla salute dell’ambiente e del consumatore.

In particolare, i laureati saranno in grado di:

  • gestire imprese agrarie, attraverso la conoscenza di tecnologie colturali e di marketing delle filiere agro-alimentari;
  • svolgere attività di monitoraggio e analisi ambientale degli agroecosistemi attraverso le moderne tecniche di rilevazione, rappresentazione e analisi dei dati territoriali (incluso uso di satelliti, droni, sistemi di rilevazione ad hoc a terra; informatizzazione e gestione avanzata dei dati, digital innovation);
  • gestire le risorse disponibili territorialmente, in un’ottica di risparmio e massimizzazione (acqua, fertilizzanti);
  • utilizzare e valorizzare in maniera sostenibile la biodiversità locale e in genere le risorse fitogenetiche tradizionali, le filiere locali, i prodotti di qualità sul piano organolettico e nutrizionale;
  • utilizzare strumenti e tecniche di conservazione e protezione del suolo, al fine di preservarne la fertilità e di garantire un adeguato assetto idraulico e idrogeologico;
  • fare da tramite tra popolazioni e culture locali e l’agronomia basata su conoscenze scientifiche e tecnologia per l’ottimizzazione di tecniche tradizionali;
  • conoscere l'organizzazione aziendale (cultura d'impresa) e l'etica professionale, in connessione anche con la conservazione e l’uso delle produzioni agro-alimentari;
  • valutare, migliorare e certificare la qualità di processo e di prodotto anche attraverso l'impiego di metodologie innovative;
  • colloquiare con il mondo della ristorazione, anche in considerazione del fatto che molte aziende agricole sono oggi anche agriturismi e spesso offrono servizi relativi all’alimentazione, oltre che di ospitalità turistica e di educazione ambientale.

I laureati trovano collocazione in:

  • aziende agricole di vario livello e complessità, anche in ambito BIO;
  • aziende di stoccaggio e avvio alla trasformazione, marketing agro-alimentare;
  • attività di consulenza professionale per piccole e medie imprese;
  • diversi ambiti della PA con funzioni di coordinamento e raccordo dei processi di produzione primaria ecollegati;
  • associazioni del terzo settore (agricoltura sociale) e del no-profit (NGO) con compiti di supervisione dellaproduzione primaria;
  • associazioni ed enti istituzionali di rappresentanza delle parti sociali e produttive o organismi internazionali (ONU, FAO, ecc.).

 

I profili professionali:

  • agricoltore professionista;
  • dirigente/consulente di aziende agricole, con particolare riferimento a quelle che già operano (o prevedono un'espansione in tale senso) in campi ancora largamente di frontiera, come l'agricoltura sostenibile, sia convenzionale che integrata, nonché l'agricoltura biologica;
  • consulente di aziende agricole sui programmi “green” delle UE coerentemente con gli interventi previsti per il rinforzo dell'eco-sostenibilità dell'economia dell'Unione Europea, con specifiche competenze su aspetti quali: normativa vigente, uso sostenibile di presìdi fitosanitari, riduzione/compensazione della CO2, conservazione e uso della biodiversità;
  • consulente di aziende agricole, singole o associate, per il miglioramento della performance produttiva, soprattutto in considerazione dell'attuale contesto di cambiamenti climatici profondi, con specifiche competenze riguardo a scelte strategiche di impianto di nuove produzioni e di sementi adeguate nelle produzioni standard;
  • consulente tecnico per aziende in conversione o già in regime di “Biologico” (“Organic farming”, per produzioni nazionali ma anche extraeuropee);
  • consulente di aziende agricole, singole o associate, per seguire i processi di digitalizzazione e informatizzazione aziendale, messa in rete con banche dati esterne (es. banche dati di meteorologia, es. satellitari), reti di rilevazione a terra e sensoristica, uso di satelliti e droni; - consulente di aziende agricole per i contatti/interfaccia con le industrie alimentari nell’orientamento delle produzioni, al fine di giungere a materie prime di adeguata qualità, anche per prodotti utili alla salute e al benessere umano;
  • consulente/dipendente di enti di certificazione di prodotto, processo, qualità nell'agro-alimentare, inclusa l’acquisizione di marchi europei (cfr. IGP, DOP, DOC, …);
  • consulente/dirigente di servizi all'agricoltura all'interno di enti pubblici territoriali ai vari livelli o loro agenzie tecniche.
Immagine
Career

In particular, graduate students will be able to:

  • manage agricultural businesses, through the knowledge of cultivation and marketing technologies of agro-food chains;
  • carry out environmental monitoring and analysis of agroecosystems through modern techniques of detection, representation and analysis of territorial data, including the use of satellites, drones, and ad hoc detection systems on the ground; the use of computerization and advanced data management; and digital innovation;
  • manage the resources available locally, with a view to optimising resources such as water and fertiliser;
  • use and enhance local biodiversity in a sustainable way with traditional phytogenetic resources and local supply chains to produce high quality products on an organoleptic and nutritional level;
  • use tools and techniques for the conservation and protection of the soil, in order to preserve its fertility and guarantee an adequate hydraulic and hydrogeological structure;
  • act as an intermediary between local populations and cultures, developing agronomy based on scientific knowledge and technology for the optimisation of traditional techniques;
  • understand the business organisation/ culture, and professional ethics, in connection with the conservation and use of agri-food products;
  • evaluate, improve and certify the quality of processes and products through the use of innovative methodologies;
  • communicate with the world of catering, considering that many farms are now also educational farms which often offer services related to food, as well as tourist hospitality and environmental education.

Graduate students will operate with:

  • farms at various levels and complexities, including the organic sector;
  • storage and processing companies and agro-food marketing;
  • professional consultancy for small and medium-sized enterprises;
  • different areas of Public Administration with functions including coordination and connection of primary and related production processes;
  •  third sector associations (e.g. social agriculture) and non-profit organisations (NGOs) with the task of supervising primary production;
  • associations and institutional bodies representing the social and productive partners, international organisations such as the UN, FAO, etc.

 

    Immagine
    Career2

    Professional profiles:

    • professional farmer;
    • farm manager / consultant, with particular reference to farms that already operate (or plan to expand) in fields that are still considered frontier, such as sustainable agriculture, both conventional and integrated, as well as organic farming;
    • consultant for farms on the "green" programmes of the EU in line with the interventions envisaged for the reinforcement of the eco-sustainability of the European Union economy, with specific skills on aspects such as: current legislation, sustainable use of phytosanitary measures, reduction/CO2 offsetting, and conservation and use of biodiversity;
    • consultant for single or associated farms for the improvement of production performance, especially in the context of climate change, with specific skills regarding strategic choices for planting new crops and suitable seeds in standard productions;
    • technical consultant for companies undergoing conversion to, or already in, the "Organic" regime (e.g. "Organic farming") for national but also extra-European productions;
    • consultant for single or associated agricultural companies to support the digitalisation and computerisation processes of the company, to network with external databases (e.g. meteorology databases, satellite data), develop ground detection networks and sensors, and promote the use of satellites and drones;
    • farm consultant for contacts/ interfaces with the food industry in the area of production to ensure adequate quality raw materials and products useful for human health and well-being;
    • consultant/ employee of product/ process quality certification bodies in the agri-food sector, including the acquisition of European brands (see IGP, DOP, DOC, ...);
    • consultant/ manager of agricultural services within local public bodies, or their technical agencies, at various levels.